cna alimentare

CNA Alimentare

DM Mipaaf: ancora attivo il Bonus ristorazione

DM Mipaaf: ancora attivo il Bonus ristorazione

ATTENZIONE: PROROGA AL 15/12/2020

Il Fondo Ristorazione, con una dotazione di 600 milioni di euro, dà sostegno al mondo dell'ho.re.ca. e alla filiera agroalimentare, contrastando anche lo spreco alimentare.

Il Fondo consente di richiedere contributi a fondo perduto da un minimo di mille fino a un massimo di diecimila euro per l'acquisto di prodotti 100% Made in Italy.

Alimenti - Covid-19: moratoria del Reg. UE in materia di etichettatura

Alimenti - Covid-19: moratoria del Reg. UE in materia di etichettatura

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha informato che la Commissione Europea ha chiesto agli Stati membri di comunicare le difficoltà, anche con riferimento all'entrata in applicazione del regolamento 2018/775 al fine di valutare l'opportunità di adottare anche azioni temporanee, prima di intraprendere misure di flessibilità o di esenzione temporanea in caso di applicazione della legislazione UE in materia di etichettatura degli alimenti, ad eccezione delle questioni relative alla sicurezza alimentare, come le informazioni sugli allergeni.

Agroalimentare: aggiornamento documento conferenza regioni

Agroalimentare: aggiornamento documento conferenza regioni

Lunedi 25 maggio 2020 è stato aggiornato il documento della Conferenza delle Regioni che stabilisce le linee guida per la riapertura delle attività economiche e produttive.

Tali linee guida vanno a stabilire le corrette procedure di comportamento e di prevenzione che tutte le imprese sono tenute ad adottare per l’intera durata dell’emergenza legata al Covid-19.

Importante sentenza del Consiglio di Stato: in base ai soli arredi non si può desumere la somministrazione

Importante sentenza del Consiglio di Stato: in base ai soli arredi non si può desumere la somministrazione

La recente Sentenza del Consiglio di Stato n. 02280/2019 pubblicata lo scorso 8 aprile fa finalmente chiarezza su cosa debba intendersi per “somministrazione” e risulta pertanto dirimente sulle più svariate interpretazioni in materia che, oltre ad essere contrarie alle disposizioni contenute nella legge nazionale, creano incertezza nei confronti degli operatori del settore, in primis delle botteghe artigiane costrette a difformi comportamenti e limitazioni basate sui regolamenti comunali e sulla condotta degli organi di controllo.