Con l'approvazione definitiva del decreto Milleproroghe 2019 sono diventate effettive anche le modifiche apportate al D.P.R. 462/01 inerenti le verifiche periodiche degli impianti di messa a terra e di protezione dalle scariche atmosferiche che prevedono:

  • l'istituzione presso l'INAIL di una banca dati informatizzata per la trasmissione dei dati relativi alle verifiche periodiche effettuate su installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, impianti elettrici di messa a terra e impianti elettrici in luoghi con pericolo di esplosione collocati nei luoghi di lavoro;
  • la comunicazione tempestiva tramite il sito dell'INAIL da parte del datore di lavoro del nominativo dell’organismo abilitato incaricato all'effettuazione delle verifiche;
  • la corresponsione, da parte dell'organismo incaricato delle verifiche, ad INAIL di una quota pari al 5% della tariffa applicata (tale incasso servirà a coprire i costi legati alla gestione e al mantenimento della banca dati);
  • una tariffazione fissa per le attività previste dal D.P.R. 462/01; le tariffe applicate dall’organismo preposto alla verifica saranno quelle definite dal tariffario unico INAIL (Ex Ispesl) del 7 Luglio 2005 (consultalo - pg. 36);

Poiché al momento in cui scriviamo non è ancora attiva la banca dati online, la comunicazione dovrà avvenire via PEC alle Unità operative territoriali (Uot) di competenza (per la Liguria genova-ricerca@postacert.inail.it) tramite la compilazione di un modello cartaceo scaricabile dal sito INAIL (scaricalo).

Ricordiamo infine che l'obbligo di comunicazione riguarda solo le verifiche effettuate dopo il 31.12.2019.

cosa ti offriamo

servizi web