Ritorniamo (Circolare CNA Fita 06/2019 del 17.4.2019 che si allega) sull’argomento relativo al pagamento delcontributo per il funzionamento dell’Autorità di regolazione dei trasporti (A.R.T.) per l’anno 2019.

download copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia copia

Viene segnalato che l’A.R.T., in occasione della scadenza del 31 ottobre 2019 relativa al
pagamento della quota residuale del contributo dovuto per l’anno 2019 (la prima rata andava pagata entro il 30.4.2019), sta inviando lettere di sollecito al pagamento.

A tal proposito ricordiamo che la CNA Fita e altre Associazioni di categoria, hanno IMPUGNATO GLI ATTI DELL’A.R.T. RELATIVI AL PAGAMENTO DEL TRIBUTO RIFERITO ALLE IMPRESE DI AUTOTRASPORTO.
Il ricorso andrà in discussione in udienza nella prima settimana di Gennaio 2020.


Rispetto alle richieste di pagamento del contributo A.R.T. 2019 pervenute (o che stanno pervenendo) alle imprese, in attesa della decisione del TAR, ribadiamo che le imprese possono decidere di:

a) NON EFFETTUARE IL PAGAMENTO NÉ LA COMUNICAZIONE DEI DATI, inviando all’ART (a mezzo
raccomandata/posta elettronica certificata) una lettera di cui si allega il fac-simile (Fac-simile “A”);
b) EFFETTUARE IL VERSAMENTO a fini meramente cautelativi, inviando anche in questo caso all’ART (via raccomandata/PEC) una lettera di cui si allega il fac-simile (Fac-simile “B”), in cui ci si riserva di chiedere la restituzione di quanto pagato aumentato degli interessi di legge, anche in via giudiziale.

In questo caso l’impresa dovrà provvedere necessariamente anche alla comunicazione dei dati richiesti dall’ART.

Vi terreno informati sullo sviluppo dell'azione avviata.

 

ALLEGATI:

Circolare Fita 6/2019

Fac simile All. A

Fac simile All. B

cosa ti offriamo

servizi web