Nessuna sanzione prevista per chi rifiuti di accettare il pagamento tramite carta di debito.

Dal prossimo 30 giugno, artigiani, commercianti e professionisti saranno tenuti ad accettare pagamenti con carte di debito per transazioni di importo superiore a 30 euro.
Lo stabilisce l'art. 15 del D.L. 179/2012.

L'obiettivo è quello di ridurre l'uso del contante e rafforzare l'utilizzo di strumenti di pagamento tracciabili nell'attuazione dell'Agenda digitale.
La lotta all'evasione fiscale parrebbe passare, quindi, anche attraverso il dispendioso apparecchio P.O.S. i cui costi di installazione, locazione e gestione gravano esclusivamente sulle imprese.

Per evitare interpretazioni della norma fuorvianti, che potrebbero lasciar pensare all'introduzione di un obbligo di installazione del P.O.S., la Divisione Economica e Sociale della CNA si è espressa chiarendo che la mancata previsione di una sanzione per quanti non si muniscano di P.O.S. e non siano, quindi, in grado di garantire alla clientela la possibilità di effettuare il pagamento tramite carta di debito, esclude l'esistenza dell'obbligo.
L'art. 15 del D.L. 179/2012, infatti, prevede solo che gli operatori siano tenuti ad "accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di debito".

Ciò premesso, a nostro avviso, l'individuazione delle forme di pagamento continua ad essere rimessa alla volontà delle parti: impresa e cliente privato.

Si ritiene, pertanto, opportuno consigliare alle imprese di "concordare preventivamente, laddove possibile, la forma di pagamento, al fine di non provocare un irrigidimento dei rapporti con i clienti: questo è, infatti, il vero rischio che può generarsi dall'entrata in vigore della nuova disposizione".

Per maggiori approfondimenti, si allega una breve nota esplicativa da parte del Direttore della Divisione Economica e Sociale, Claudio Giovine [leggila qui].

Per coloro che intendono comunque dotarsi di un sistema Mobile per accettare pagamenti POS per smartphone e tablet è attiva la convenzione VODAFONE per gli Associati [scarica qui la convenzione].

cosa ti offriamo

servizi web