Tra poche settimane, esattamente dal prossimo 13 Dicembre sulle etichette dei prodotti alimentari,  dovranno essere presenti i valori nutrizionali dell’alimento.

 

Diventa così obbligatorio sulla confezione o in etichetta riportare tutte le informazioni sul valore energetico (riferito a 100 gr o 100 ml di prodotto) insieme all’indicazione di quanti carboidrati, fibre, grassi, minerali, proteine, sale e vitamine sono contenuti nel prodotto.
Si tratta di quanto previsto dal regolamento Ue n.1169/2011, relativo all’obbligo di informazione ai consumatori sugli alimenti, già in vigore dal 13 dicembre 2014, per quanto riguarda l’indicazione degli allergeni.
Tuttavia la nuova dichiarazione nutrizionale che di principio interessa tutte le tipologie di imprese del settore alimentare, è stata fatta oggetto di un'importante deroga richiesta a gran voce e ottenuta da CNA a favore delle micro imprese (meno di 10 dipendenti e fatturato annuo inferiore a 2 milioni di euro) e in particolare delle imprese artigiane.
Infatti al punto 19 dell'Allegato V del Reg. UE n. 1169/2011 viene disposta una deroga che va ad operare nei confronti degli alimenti, anche confezionati in maniera artigianale, forniti direttamente dal fabbricante di piccole quantità di prodotti al consumatore finale o a strutture locali di vendita al dettaglio che forniscono direttamente al consumatore finale.
In tal senso proprio recentemente, lo scorso 16 novembre, è intervenuta una congiunta Circolare Interpretativa del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero della Salute a ribadire quanto riportato.
E' del tutto evidente come quanto stabilito costituisca un immane risparmio di tempo e di denaro, rispetto l'acquisto di programmi o software dedicati, per la stragrande maggioranza delle micro imprese artigiane.
Infatti anche la vendita di quantità piccole a locali esercizi commerciali, oltre che direttamente al consumatore, rientra nel campo di applicazione della deroga all'obbligo dell'etichetta nutrizionale.
Per livello “locale” poi delle strutture di vendita si intende non solo il territorio della Provincia ( si pensi alle aziende limitrofe a 2 o più Province) ma anche ai territori confinanti, andando ad escludere solo quelle forniture che operino sulle lunghe distanze. Sono esclusi dalla deroga quindi i prodotti venduti alla Grande Distribuzione.

Per informazioni di ulteriore dettaglio, vi invitiamo a scaricare direttamente il testo della Circolare a congiunta firma del MISE e del Ministero della Salute (Scarica la Circolare), mentre per eventuali chiarimenti vi invitiamo a prendere contatto con i ns. uffici di CNA Savona (Dott. Matteo Sacchetti tel. 019.829708, e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. )

 

download

cosa ti offriamo

servizi web